Mario Costantini

In Mario Costantini, “pitto-sculture”, i motivi geometrici delle ceramiche dipinte abruzzesi si intrecciano con le tensioni materica di stratificazioni variamente modulate. Reti metalliche affiorano dai gessi che trattengono frammenti di tessuto in composizioni ora drammatiche ora più armoniosamente ricomposte in classici equilibri. Erede delle ricerche più sperimentali avviate nella celebre arazzerie di Penne, Mario Costantini prosegue la sua ricerca dentro e oltre la fiber art.

MARIO COSTANTINI

A punto triangolo

MARIO COSTANTINI

Vela
Ferro e lana
40×70
2012

MARIO COSTANTINI

Homo
Libro bianco 8 pagine
Tessuti, ferro
2012

MARIO COSTANTINI

Tra il geometrico e l’organico
Arazzo – arazzeria pennese, basso liccio
150×100 cm
1998

MARIO COSTANTINI

Alba
Canapa, gesso, colore, ferro
100×300 cm
1992

Pagina 2 di 41234